©2014 Comune di Cison di Valmarino (TV) - Tutti i diritti riservati

sei in:  Il Comune e i suoi servizi  -  Uffici e Servizi Comunali  -  Attività Produttive
Share |

Commercio e Attività produttive

Operatore: Elena Gazzarin
tel. 0438 977611
 

S.U.A.P. - UNIPASS

COORDINAMENTO PER L’ESERCIZIO IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CONNESSE ALLA GESTIONE DELLE PRATICHE TRASMESSE CON MODALITÀ TELEMATICA a seguito di apposita convenzione ex art. 30 del Testo Unico degli Enti Locali sottoscritta con il Consorzio B.I.M. Piave di Treviso, ente capofila
                                                                          A V V I S O
Si informa che le pratiche inerenti lo SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE in applicazione del D.P.R. 7 settembre 2010 n. 160 e lo SPORTELLO UNICO PER L’EDILIZIA in applicazione del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 vanno presentate di norma per via telematica previ accesso e riconoscimento utente all’indirizzo internet  https://portale.unipass.gov.it e compilazione e gestione della pratica con procedura telematica I professionisti (Ordini, Associazioni, ecc.) che  compilano ed inoltrano telematicamente le pratiche per conto delle imprese devono munirsi di idonea procura rilasciata dalle stesse [vedi punto 2.].
_______________________________________________________________________________________

PER INFORMAZIONI:


1) sugli ASPETTI TECNICO-INFORMATICI di accesso al portale telefonare al n. 0422 / 421701 (Struttura Unipass - c/o Consorzio B.I.M. Piave Treviso)
email: info@unipass.gov.it - PEC: unipass@pec.unipass.gov.it
presso il Comune di Cison di Valmarino:
2) sul PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO (predisposizione e inoltro pratiche)
contattare il: Servizio SUAP
tel.: 0438 – 977611
3) sulle specifiche pratiche di EDILIZIA PRODUTTIVA:
contattare il: Servizio Urbanistica / Edilizia
tel.: 0438 – 977630
4) sulle specifiche pratiche di COMMERCIO:
contattare il: Servizio Attività Produttive
tel.: 0438 – 977611

Si ricorda che a far data dal 1° luglio 2015 NON È PIÙ CONSENTITA la presentazione al Comune di pratiche dirette al SUAP e al SUE in  MODALITÀ CARTACEA.

NOTE INFORMATIVE

1. FUNZIONALITÀ DELLO SPORTELLO POLIFUNZIONALE ASSOCIATO: portale.unipass.gov.it
Si evidenzia che l’accesso alle procedure amministrative di competenza dei diversi enti gravitanti sul territorio della Provincia di Treviso (Comuni, U.L.SS., Vigili del Fuoco, Provincia, ecc.) delle diverse pratiche amministrative attraverso lo sportello portale.unipass.gov.it
richiede una semplice registrazione ed assegnazione di credenziali personali (codice fiscale + password), mentre per la produzione ed l’invio di documentazioni tecniche i professionisti dovranno utilizzare ‘key’ USB o smart-card di firma digitale per la sottoscrizione degli atti.
Una volta effettuato l’accesso dal portale, l’interessato – ovvero il cittadino, piuttosto che l’impresa o il professionista o quant’altro - dovrà compilare la SCIA o l’istanza di autorizzazione in modalità telematica, debitamente corredate dai previsti allegati, firmati digitalmente (laddove previsto) ed inviare la pratica.
A seguito dell’invio dallo sportello polifunzionale portale.unipass.gov.it della pratica, l’interessato / professionista riceverà al domicilio elettronico dichiarato la “ricevuta automatica” (descritta all’articolo 5 del decreto Interministeriale del 10 novembre 2011), ovvero la ricevuta di posta elettronica certificata che comprova l’avvenuta consegna al soggetto destinatario competente della pratica telematica inoltrata e ne attesta la correttezza e completezza formale; essa viene emessa in modalità automatica dal portale e, nel caso di inoltro di SCIA, conferisce all’impresa il diritto di intraprendere da subito la relativa attività senza l’intermediazione di ulteriori titoli o qualsivoglia potere di tipo autorizzatorio-costitutivo.

2. PROCURA ALL’INOLTRO
I professionisti (Ordini, Associazioni, ecc.) che compilano ed inoltrano telematicamente le pratiche per conto delle imprese devono munirsi di idonea procura rilasciata dalle stesse.
Il modello di procura è disponibile all’interno del portale.

3. PAGAMENTI ANTICIPATI DI SPESE E DIRITTI
In relazione ai procedimenti telematici che prevedono il pagamento anticipato di spese istruttorie e l’eventuale assolvimento dell’imposta di bollo, si ricordano le seguenti indicazioni operative, precisate nel D.M. 10 novembre 2011, relative all’assolvimento di tali pagamenti nelle more dell’applicazione del sistema di pagamento ‘on-line’, laddove consentito:
- il soggetto interessato allega in modalità informatica e per ciascun procedimento la scansione delle ricevute degli avvenuti pagamenti dei diritti e delle spese istruttorie eventualmente dovute;
- nel caso in cui il procedimento sia soggetto all’imposta di bollo, il soggetto interessato provvede ad inserire nella domanda i numeri identificativi delle marche da bollo utilizzate, nonché ad annullare le stesse, conservandone gli originali.

                                                                           > A T T E N Z I O N E <
È molto importante conoscere preliminarmente come è disciplinata l'attività oggetto della trasmissione telematica, per non incorrere nel rischio di invio di pratiche del tutto incoerenti con quanto effettivamente prescritto dalla normativa di riferimento - e pertanto irregolari - con tutte le conseguenze del caso.
 

Manifestazioni e spettacoli

Al fine di ottenere l'agibilità ai sensi dell'art. 80 del T.U.L.P.S. per i locali rientranti nella sfera di competenza della Commissione provinciale o comunale, il richiedente deve presentare apposite domande, in bollo, indirizzate al Sindaco: a) per ottenere il parere sul progetto (art. 141, 1° comma, lett. a) del Reg. T.U.L.P.S.) b) per ottenere la licenza di agibilità, previo sopralluogo della Commissione di vigilanza Tali procedure debbono essere attivate in caso di nuova apertura o per la variazione dello stato esistente di un locale di pubblico spettacolo. Per gli allestimenti temporanei la domanda è unica. Le domande devono essere corredate della documentazione tecnica, in triplice copia, a firma di un tecnico abilitato. In ogni caso è fatta salva la possibilità della Commissione di richiedere ulteriore documentazione, in relazione alle particolari caratteristiche dei luoghi o delle strutture da esaminare o verificare. Il responsabile del procedimento provvede a verificare la regolarità formale e la completezza della domanda e degli allegati e a chiedere eventuali integrazioni, senza che questo costituisca pregiudizio per le successive richieste da parte della Commissione. In caso di mancata presentazione dei documenti entro il termine concesso, la domanda è dichiarata irricevibile. Nel caso in cui la Commissione rilevi la mancanza o l'irregolarità della documentazione allegata alla domanda, il responsabile del procedimento ne chiederà l'integrazione o la regolarizzazione, interrompendo i termini del procedimento, ai sensi dell'art. 8 della legge 241/90. LOCALI ED IMPIANTI CON CAPIENZA COMPLESSIVA PARI O INFERIORE A 200 PERSONE I progetti dei locali e degli impianti con capienza pari o inferiore a 200 persone, impiegati per spettacoli o pubblici trattenimenti, salvo che per gli allestimenti temporanei, sono soggetti al parere da parte della Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, che può disporre anche i successivi controlli. Le verifiche e gli accertamenti dei medesimi locali ed impianti devono essere effettuati da un professionista iscritto nell'albo degli ingegneri o nell'albo degli architetti o nell'albo dei periti industriali o nell'albo dei geometri , il quale con una "relazione tecnica" attesta la rispondenza del locale o dell'impianto alle regole tecniche stabilite con decreto del Ministero dell'Interno, nonché - con esclusione per le attività temporanee - la conformità al progetto approvato dalla Commissione di Vigilanza e, per i locali con capienza fra 101 e 200 persone, la conformità al parere di prevenzione incendi espresso dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco ai sensi dell'art. 2 del DPR 37/98. Il controllo della relazione tecnica e delle eventuali certificazioni allegate è di competenza del tecnico comunale ALLESTIMENTI TEMPORANEI RIPETITIVI L'agibilità relativa agli allestimenti temporanei che si ripetono periodicamente e con le stesse attrezzature ha validità di due anni dalla data di conclusione dell'ultima manifestazione verificata, fatto salvo il caso in cui la Commissione di Vigilanza, in considerazione della natura dei luoghi, non ne limiti diversamente la durata. Nei casi di cui al comma precedente, in occasione della presentazione delle domande di licenza ex art. 68 e 69 del T.U.L.P.S., successive alla prima manifestazione verificata, l'organizzatore dovrà presentare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con la quale attesta l'uso degli stessi impianti e attrezzature e le medesime modalità di impiego. Inoltre, per le attrezzature, i palchi o gli impianti elettrici soggette a reinstallazione, l'organizzatore dovrà presentare la documentazione certificativa elencata nelle linee guida predisposte. Nei medesimi casi di cui al comma 1, in occasione della presentazione delle domande di licenza ex art. 68 e 69 del T.U.L.P.S. decorsi due anni dalla conclusione della manifestazione per la quale era stata concessa l'ultima agibilità, non è necessario che gli organizzatori ripresentino la documentazione tecnica e progettuale dell'area e delle attrezzature, sempre che si utilizzino gli stessi impianti ed attrezzature, e senza modifiche sostanziali nella dislocazione, in base ad un criterio fissato dalla Commissione.